BKW a colpo d'occhio

Fatti e cifre

Le pietre miliari della storia dell’azienda

2020

BKW avvia prontamente lo smantellamento della sua centrale nucleare e fa il suo ingresso nel mercato del gas. Oltre all’energia elettrica, ora fornisce anche gas ai suoi clienti. L’offerta si rivolge principalmente a industrie, PMI, gestori immobiliari e aziende fornitrici di gas. BKW supera il risultato record dell’anno precedente. Nonostante la cessazione della produzione della centrale nucleare di Mühleberg, il fatturato sale a più di tre miliardi di franchi.

 

2019

BKW consegue il miglior risultato della sua storia registrando nuovamente una crescita considerevole nel settore dei servizi con ben 10 000 collaboratori all’attivo in più di 100 aziende. È la prima azienda svizzera quotata in borsa a lanciare un prestito obbligazionario verde (green bond) da 200 milioni di franchi sul mercato finanziario svizzero. Dopo 47 anni di esercizio sicuro e affidabile, alla fine dell’anno è la prima azienda svizzera a disconnettere dalla rete in via definitiva una centrale nucleare (Mühleberg) conformemente ai piani.

 

Spegnimento della centrale nucleare di Mühleberg
Il 20 dicembre 2019, BKW spegen per sempre la centrale nucleare di Mühleberg. © KEYSTONE / Peter Klaunzer

2018

BKW si presenta con cinque marchi di competenza: BKW Energy per il settore dell’energia, BKW Power Grid per la rete e i servizi, BKW Engineering per i servizi di ingegneristica, BKW Building Solutions per l’impiantistica degli edifici e BKW Infra Services per i servizi nel settore delle infrastrutture. L’azienda continua a crescere rapidamente e conta più di 7000 collaboratori.

 

2017

Il settore dei servizi continua a crescere a ritmo sostenuto. Nel settore dell’energia, BKW amplia ulteriormente la produzione da fonti rinnovabili. In Norvegia assume la guida del progetto Marker per l’energia eolica , in Francia collega alla rete tre parchi eolici e in Svizzera inaugura due mini-centrali idroelettriche.

 

Parco eolico Marker
Nel 2017 BKW assume la guida del progetto Marker per l’energia eolica; nel 2019 l’impianto viene messo in esercizio.

2016

BKW partecipa al progetto norvegese Fosen Vind, il più grande parco eolico europeo onshore. In Svizzera mette in esercizio quattro nuove centrali idroelettriche. La crescita nel settore dei servizi continua ad accelerare lo sviluppo dell’azienda. Nel settore Engineering, il Gruppo BKW accoglie anche aziende tedesche e austriache oltre a società svizzere. Ormai occupa più di 5000 collaboratori, di cui due terzi sono attivi al di fuori del tradizionale settore dell’energia e della rete elettrica.

 

Centrale Mulegn delle centrali idroelettriche di Ragn d'Err
Nel 2016 BKW mette in esercizio quattro centrali idroelettriche, tra cui le centrale idroelettriche di Ragn d’Err a Tinizong.

2015

BKW continua a crescere rapidamente nel settore dei servizi, specialmente nell’impiantistica degli edifici. In tale ambito lancia Home Energy, una soluzione completa modulare. Il prodotto consente ai proprietari di abitazioni di immagazzinare, gestire e utilizzare in modo efficiente l’energia solare autoprodotta.

 

Home Energy, una soluzione completa modulare per l’utilizzo dell’energia solare autoprodotta.
Nel 2015 BKW lancia Home Energy, una soluzione completa modulare per l’utilizzo dell’energia solare autoprodotta.

2014

In linea con la sua strategia, BKW punta sui tre pilastri Energia, Reti e Servizi allo scopo di rafforzare il settore dell’energia, sviluppare le reti e ampliare il settore dei servizi, già interessato da una forte crescita. BKW offre infatti ai suoi clienti un’ampia gamma di servizi infrastrutturali ed energetici. L’obiettivo è far sì che nel medio termine i tre settori Energia, Reti e Servizi contribuiscano in modo equo all’utile aziendale (EBIT).

 

2013

BKW decide di mantenere in funzione la centrale nucleare di Mühleberg ancora fino al 2019 per poi dismetterla. Con il primo smantellamento di una centrale nucleare in Svizzera BKW assume un ruolo pionieristico, come era già avvenuto spesso in passato.

 

Centrale nucleare di Mühleberg
Nel 2013 BKW decide di mantenere in esercizio la centrale nucleare di Mühleberg solo fino al 2019 e poi di smantellarla.

2012

BKW presenta la sua nuova strategia «BKW 2030» che presuppone l’abbandono dell’energia nucleare e, nell’ambito della produzione, punta soprattutto sulle energie rinnovabili generate da acqua e vento. La strategia si incentra inoltre sull’integrazione del sistema di produzione elettrica decentralizzata e sullo sviluppo di nuovi modelli commerciali.

 

2011

BKW acquista nuovi parchi eolici in Italia e Germania, espandendo così la sua posizione in questo settore. Insieme ad altre dieci società elettriche svizzere fonda l’Associazione Smart Grid Svizzera al fine di accelerare e realizzare l’introduzione della smart grid (rete elettrica intelligente). Presso la sede centrale di Berna, BKW mette in esercizio la sua prima stazione di ricarica intelligente con due prodotti energetici per le auto elettriche.

 

Parco eolico di Holleben
Nel 2011 BKW acquista altri parchi eolici, tra cui quello di Holleben in Germania.

2010

BKW rafforza ulteriormente la sua presenza nel settore dell’energia eolica. Insieme a Energie Wasser Bern fonda HelveticWind allo scopo di realizzare un portafoglio eolico da oltre 100 megawatt di potenza. Inoltre, si aggiudica i diritti per il progetto di un parco eolico in Brandeburgo, nel nord-est della Germania.

 

2009

BKW e Fortore Energia S.p.A., un’azienda italiana leader nel settore della produzione di energia eolica, avviano una collaborazione strategica. BKW acquista il 33 percento della società di nuova costituzione Fortore Wind. L’obiettivo della collaborazione è costruire e gestire impianti eolici con una potenza complessiva di circa 600 megawatt (MW) entro il 2016. Con questa collaborazione BKW rafforza la sua posizione di leader tra i produttori svizzeri di energia eolica.

 

2006

BKW stipula un contratto con la società Elettra Holdings GmbH (Elettra) con sede a Milano per l’acquisto di otto centrali idroelettriche e due progetti di centrali a gas. Detiene inoltre una partecipazione al 25 percento nella centrale a gas a ciclo combinato di E.ON Energie AG (E.ON) nel comune piemontese di Livorno Ferraris. In tal modo amplia la sua presenza sul mercato italiano, riunendo al contempo le sue attività in Italia nella società BKW Italia S.p.A.

 

Idroelettrica Lombarda
Nel 2006 BKW acquista otto centrali idroelettriche in Italia, qui è raffigurata Idroelettrica Lombarda.

2003

Dal 28 maggio 2003 le azioni di BKW sono quotate nel segmento principale della Borsa svizzera SIX Swiss Exchange. Nell’ambito di una quotazione secondaria, il 25 giugno 2003 circa l’otto percento delle azioni di BKW vengono vendute ad investitori privati. Così facendo, BKW getta le basi per l’apertura nei confronti di una cerchia più ampia di azionisti e per un commercio più fluido delle proprie azioni. In seguito alla quotazione, la percentuale «flottante» di azioni detenute da privati è pari a circa il 27 percento e soddisfa quindi il requisito per l’inserimento del titolo nell’indice Swiss Performance Index (SPI) avvenuto il 1° ottobre 2003.

 

2002

BKW e il Cantone Giura sottoscrivono un contratto di collaborazione per l’approvvigionamento energetico e la partecipazione del 35 percento di BKW nella società Energie du Jura SA.

 

2000

BKW fa certificare la sua centrale idroelettrica di Aarberg con il marchio di qualità «naturemade star» e in tale contesto istituisce un fondo ecologico alimentato da un contributo compreso nella vendita dell’energia elettrica certificata. Il denaro del fondo viene utilizzato per progetti di valorizzazione ecologica.

 

centrale idroelettrica di Aarberg
Nel 2000 BKW fa certificare la centrale idroelettrica di Aarberg con il marchio di qualità «naturemade star».

1999

Il 25 giugno l’assemblea generale degli azionisti porta il capitale azionario di BKW da 120 a 132 milioni di CHF. Il 26 dicembre la fornitura energetica è duramente compromessa da tempeste simili a uragani. A tutti i livelli di tensione, gli oltre 3800 km delle linee di BKW sono parzialmente messi fuori servizio a causa dei danni provocati dall’uragano «Lothar». Solo grazie al grande impegno di 450 operatori esperti, la rete BKW viene ampiamente ripristinata nel giro di dieci giorni.

 

Un traliccio spezzato dall’uragano «Lothar».
L’uragano «Lothar» provoca gravi danni alla rete elettrica di BKW, spezzando in parte anche interi tralicci.

1996

BKW mette in esercizio il parco eolico JUVENT  nel Giura bernese con le sue prime tre turbine. Nel corso degli anni sarà integrato da ulteriori turbine. Più avanti, gli impianti più vecchi verranno sostituiti con modelli più recenti nel quadro di un cosiddetto «repowering». Dal 2016 il parco raggiungerà così una produzione annua di 70 gigawattora.

 

Parco eolico JUVENT
Nel 1996 BKW mette in esercizio il parco eolico JUVENT. I lavori di ampliamento continueranno fino al 2016, fino a raggiungere una produzione annua di 70 gigawattora.

1992

Sul Mont Soleil, la società Mont-Soleil gestita da BKW attiva l’omonima centrale solare, all’epoca la più grande in Europa.

 

Centrale solare Mont-Soleil
Nel 1992 BKW attiva la centrale solare Mont-Soleil.

1972

Con Mühleberg, BKW attiva la terza centrale nucleare svizzera dopo Beznau I e II.

 

La centrale nucleare di Mühleberg nel 1972.
Nel 1972 BKW attiva la centrale nucleare di Mühleberg.

1969

Il 1° ottobre 1969 prende avvio il commercio di azioni di BKW alla borsa bernese.

 

1958

L’elettricità diventa una fonte energetica indispensabile per l’industria, il lavoro e la vita domestica. Al fine di limitare il rischio di interruzioni dell’approvvigionamento elettrico, BKW collega la propria rete con le altre centrali elettriche. Nel 1958, le reti di Svizzera, Germania e Francia vengono unite. Oggi tutti i paesi dell’Europa occidentale sono collegati alla rete elettrica internazionale. BKW partecipa fin dall’inizio allo scambio transfrontaliero di elettricità.

 

1950

Un terzo dell’approvvigionamento elettrico di BKW proviene da centrali elettriche estere. Per rimediare alla generale carenza di elettricità, negli anni Cinquanta viene avviata la costruzione delle grandi centrali ad accumulazione in stile KWO, solitamente costruite e gestite in collaborazione da più società elettriche. L’elettricità generata dallo sfruttamento intenso dell’idroelettrico viene spesso definita «carbone bianco».

 

Centrale ad accumulazione con sistema di pompaggio del Grimsel
egli anni Cinquanta viene avviata la costruzione delle grandi centrali ad accumulazione in stile KWO. Qui la centrale ad accumulazione con sistema di pompaggio del Grimsel.

1925

Nel distretto di Oberhasli, ben presto si riconosce l’importanza dell’idroelettrico per la produzione di energia. Nel 1925 BKW fonda la Kraftwerke Oberhasli AG (KWO) come società affiliata. Successivamente, il Cantone Basilea-Città e le Città di Berna e Zurigo partecipano ciascuna con un sesto al capitale azionario della società. In una prima fase, tra il 1925 e il 1932 viene costruita la centrale di Handeck I con i laghi artificiali Grimsel e Gelmer. L’ampliamento (otto sbarramenti, nove centrali elettriche) si conclude provvisoriamente nel 1979 con la messa in esercizio della centrale di pompaggio e turbinaggio di Oberaar-Grimsel.

 

Lavori di costruzione della centrale idroelettrica Handeck I
Lavori di costruzione della centrale idroelettrica Handeck I

1917

A Mühleberg BKW avvia la costruzione della sua settima centrale idroelettrica.

 

Lavori di costruzione della centrale idroelettrica di Mühleberg
Nel 1917 BKW avvia la costruzione della centrale idroelettrica di Mühleberg.

1909

La società in espansione cambia il suo nome in «Bernische Kraftwerke AG».

 

1903

Cinque anni dopo la sua fondazione, l’assemblea generale decide di acquistare la centrale di Kander insieme alla centrale elettrica di Spiez. Il nome dell’azienda viene modificato di conseguenza in «Vereinigte Kander- und Hagneckwerke A.G.».

 

1898

Viene fondata la società per azioni «Elektrizitätswerk Hagneck» con l’obiettivo di elettrificare la regione del Seeland. È un’epoca pionieristica in cui prevale l’iniziativa di singoli attori privati che riconoscono le opportunità e le prospettive offerte dalla nuova tecnologia delle centrali elettriche e del trasporto di energia elettrica su lunghe distanze contribuendone alla diffusione. Eduard Will, commerciante di Nidau, è stato la forza trainante alla base della costruzione della centrale idroelettrica di Hagneck ed è considerato il fondatore di BKW.

 

Eduard Will
Eduard Will è considerato il fondatore di BKW.